Osservazioni sul colore



Le mie lezioni, e lo sanno bene tutti coloro che hanno partecipato ai miei corsi, workshops, laboratori sul colore in tutti questi (quasi venti) anni , iniziano con una frase che scrivo alla lavagna:


Dal fatto che a me - o a tutti- sembri così, non segue che sia così”.


Questa frase scritta da Ludwig Wittgenstein, filosofo, ingegnere  e logico austriaco  (1889–1951) all'interno della sua opera "Della Certezza"



mi ha sempre aiutato a introdurre la caratteristica principale del colore che è quella di ingannare di continuo. Uno stesso colore, a seconda del contesto, può provocare diverse sensazioni e due colori diversi possono sembrare uguali.


Josef Albers , pittore  tedesco (1888–1976) nel suo interessantissimo libro Interazione del colore pubblicato negli Stati Uniti nel 1963, 

 Interazione del colore. Esercizi per imparare a vedere - Josef Albers - copertina

 dove sono sintetizzate le lezioni sulle proprietà del colore tenute da lui stesso nelle università americane, definisce 

" Il colore, il mezzo più relativo in campo artistico".





...E a proposito di rosso: 

lo stesso quadrato rosso inserito su superfici di diverso colore reagisce in modo relativo e differente.

Osservate qui sotto, stesso quadrato ma differente sfondo colorato.


 Cosa ne pensate?
Alcuni quadrati non vi sembrano più grandi o più piccoli, più luminosì o più opachi?


Alcune combinazioni le troveremo gradevoli, altre ci disturberanno.

Il concetto di mi piace o di non mi piace non sono basi su cui discutere in maniera costruttiva sul colore. Sono considerazioni oggettive, opinabili.

  Mi è sempre interessato riuscire a parlare del colore in modo costruttivo,  lasciando aperto il dialogo, lasciando parlare le immagini, facendo riferimento a tutto il bagaglio di conoscenze e ad una bibliografia sempre più ampia sull'argomento.

Il colore continua ad affascinarmi perchè se ne può parlare attraverso varie discipline e
 più ci si addentra nell'argomento colore e più la frase di Ludwig Wittgenstein mi sembra che abbia un senso.
 Il colore, il parlare del colore aiuta il dialogo, aiuta ad ascoltare e a mettersi in discussione.

 Come occasione per analizzare i rapporti tra logica ed esperienza, verità e falsità senza formulare una teoria del colore  Ludwig Wittgenstein scrisse  Osservazioni sui colori

dove tentò di definire “una grammatica del vedere”.


Vorrei iniziare  a scrivere sul colore più spesso, aggiornare i miei scritti che tengano conto delle nuove teorie, riflessioni di questi ultimi anni e spero che l'argomento vi appassioni e che soprattutto riesca a trasmettervi questa mia passione...


...e, citando Pablo Picasso ,


 di questo e, del "perché due colori, messi uno accanto all’altro, cantano e se si può davvero spiegare questo", tratterà il prossimo incontro domenicale nel mio studio a Torino.

 


Potete cliccare sul link in blu qui sopra per maggiori informazioni .

Potete scrivermi un messaggio  a questo indirizzo email
francescachessaillustrator@gmail.com

potete seguire la mia pagina FB
#coloreillustrazione

Un grazie  colorato per avermi seguito fino qui.

 




Post popolari in questo blog

Laboratori alla Biblioteca di Corbetta